- Books

Il sentiero dei nidi di ragno

Il sentiero dei nidi di ragno La storia di Pin bambino sbandato passato come per caso dai giochi violenti dell infanzia alla dura realt della guerra partigiana

  • Title: Il sentiero dei nidi di ragno
  • Author: Italo Calvino
  • ISBN: 9788852027338
  • Page: 117
  • Format: Paperback
  • La storia di Pin, bambino sbandato, passato, come per caso, dai giochi violenti dell infanzia alla dura realt della guerra partigiana.

    • Best Read [Italo Calvino] ☆ Il sentiero dei nidi di ragno || [Nonfiction Book] PDF ☆
      117 Italo Calvino
    • thumbnail Title: Best Read [Italo Calvino] ☆ Il sentiero dei nidi di ragno || [Nonfiction Book] PDF ☆
      Posted by:Italo Calvino
      Published :2018-08-10T02:39:21+00:00

    1 thought on “Il sentiero dei nidi di ragno

    1. Calvino’s first novel written shortly after his wartime experiences as a partisan. His prevailing priority seems to be to debunk the myth of the noble heroic freedom fighter. I can imagine its somewhat cynical tone would have caused a rumpus when first published in 1947. He states in the preface that his aim was twofold – to launch an attack at both the detractors of the resistance and against the “high priests of a hagiographic Resistance that was all sweetness and light.” Personally I [...]

    2. What you read and what you experience in life are not two separate worlds, but one single cosmos.Here I go again! Another review and my Dearest Calvino.It’s been a spectacular reading year for me. I got to know some great people, got some great book recommendations and of course read some great books written by great authors. Of them I read the following writers for the first time (No Kidding!) : Vladimir Nabokov, Haruki Murakami, David Mitchell, David Foster Wallace, Virginia Woolf, Rohinton [...]

    3. "You're only a child interested in spiders' nests, what can you do with a pistol?" (78)This little rascal, this wee imp, will make you laugh and cry. A true pariah, Pin mostly hangs out with adults and is treated like one. So when a German's gun goes missing, who goes to jail?I cannot help but compare this to American Huck Finn. The Everyboy is a figure that we both love and hate, it's emblematic though, yes, immature. Here, because there is a war going on, our wee one has to get his hands prett [...]

    4. Ragni e luccioleCom’era generosa e affascinante quell'epoca frenetica della “littérature engagée” che investiva l’autore non solo con l’autorità di diventare la portavoce della Storia ma anche con la capacità di influenzare le masse! Com’era seducente e quanti scrittori l’hanno corteggiata, tra cui Llosa, Calvino e tanti altri. Anche se dal loro giovane entusiasmo non sono nate capodopere, ci hanno regalato comunque qualche opera rimarcabile, lontana dall’ideologismo assurdo [...]

    5. Pin il bambinaccioÈ il primo romanzo di Calvino, scritto nel 1946. Nel comprensibile tentativo di filtrare la propria personale esperienza di guerra partigiana, Calvino sceglie un protagonista del tutto diverso, bambino e sottoproletario. È un garzone di ciabattino con sorella prostituta, che conosce il modo di vivere degli adulti ma ancora gliene sfugge il senso. Cerca la compagnia degli adulti, li trova in osteria dove tracanna vino e fuma sigarette e soprattutto cerca di attrarre l’attenz [...]

    6. Non so nulla della Resistenza. Be', qualcosina la so: ho ascoltato e letto qualche racconto. Ma leggere delle avventure di Pin è stato più utile e vantaggioso: il punto di vista di un bambino come lui - povero, dispettoso, indipendente - è un terreno più fertile di qualsiasi tentativo di narrazione dall'interno. Non possiamo pretendere che Pin ci conduca nei luoghi dell'azione militare, delle notizie storiche, delle battaglie ideologiche: siamo costretti a seguirlo nell'osteria del paese dov [...]

    7. Something irreparable has happened to Pin now — as irreparable as when he [redacted due to spoilers]. Never again will he be able to return to the detachment, never will he be able to go into action with them now. It is sad to be like him, a child in a world of grown-ups, always treated as an amusement or a nuisance; and never to be able to use those exciting and mysterious things, weapons and women, never to be able to take part in their games. But one day Pin will be grown-up too, and be abl [...]

    8. Yaşıtlarınca dışlanan ve yalnızlığına çözüm olarak büyüklerle arkadaşlık edinmeyi deneyen Pin'in gözünden savaş psikolojisine dair bir metin. İç savaş, çeteler, yerel mücadele, örgütlenmeler, esir düşülen zamanlar bir çocuğun düşünceleriyle aktarılmış.Calvino'nun ilk romanı olmasının yanında kendi hayatından izler taşıması açısından da önemli bir eser Örümceklerin Yuvalandığı Patika.

    9. Calvino, attraverso gli occhi di un bambino, racconta i partigiani e la resistenza. Il suo racconto è lontano dall'agiografia della resistenza restituendo agli uomini che combattevano i tedeschi tutta la loro umanità, fatta di difetti e, in alcuni casi, di assenza di ideologia (ma non per questo di valori). Nonostante la scarsa opinione che lo stesso Calvino ha di questo suo romanzo, secondo me vale la pensa leggerlo per capire il clima politico e culturale dei primi anni del dopo guerra.

    10. Garima's "It’s not his best novel but it was definitely his first" sums it up pretty well. Maybe it sounds better in Italian. But as is, meh.

    11. Featured in my Top 5 Italo Calvino Books: youtube/watch?v=wHHJqAlthough not quite as elegant as Calvino's later efforts, The Path remains a heartbreaking work about one of Italy's most painful historical moments, and a novel where misery (although abundant) never manages to dispel hope.

    12. Con Calvino è difficile sbagliare e leggere un libro mediocre. L'autore ha il dono del racconto onirico e anche questo suo primo romanzo, molto diverso da quelli che ne seguiranno, ha la forza e la bellezza come di un sogno. Pin è un bambino nel mondo degli adulti, la guerra viene raccontata dal suo punto di vista e proprio per questo il romanzo acquista veridicità e potenza. Una lettura bella e intensa.

    13. "Il sentiero dei nidi di ragno" è uno dei primi libri scritti da Italo Calvino. L'autore decise di pubblicare il proprio romanzo dopo aver curato per Einaudi "Una questione privata" di Fenoglio. Perché? Innanzitutto Calvino si rese conto che l'Italia aveva bisogno di narrazioni del dolore per ricollegare frammenti di storie tra gli italiani. La guerra aveva diviso, aveva suscitato odio, ma come un pianto spezzato, questo dolore era muto perché si voleva dimenticare, si voleva rimuovere. La na [...]

    14. For the last year or so I have been dipping now and again into the big collection of Calvino's letters that was published in English a couple years back. Today I read something that shocked me at first, but then made total sense when I thought about it - in a 1964 letter (March 20, to Franco Lucentini) Calvino writes: I continue to maintain that I have never loved any writer as much as Hemingway, even though his character can be vulgarized. This seems astonishing on the surface of it. It is hard [...]

    15. Il passato è vivoIl passato perché era un vecchio libro comprato a 20.000 lire e mai letto, il passato perché i grandi italiani del dopoguerra li avevo abbandonati alla loro noia e alla loro tristezza, il passato perché condizioni, valori, azioni e coraggio descritti li abbiamo dimenticati. Nonostante i sacrifici di chi ha provato a lasciarci un mondo migliore che dovevamo solo gestire, non dissipare.Ma un passato che ho riscoperto vivo e potente perché di quella gente, della sua confusione [...]

    16. Mentre leggevo le prime pagine, pensavo di parlare di romanzo di formazione, ma non è così. Il protagonista è il preadolescente Pin, ragazzo di strada aggressivo e sbruffone per mancanza d’affetto: la sua incapacità di comunicare con il mondo degli adulti, infidi e pericolosi, non muta, anzi la diffidenza cresce via via che aumentano le delusioni. Questo vale sia per le pagine, quasi picaresche, ambientate nel carruggio, sia per quelle che descrivono la vita di uno scalcinato distaccamento [...]

    17. 2.5/3 stelle.Non sono ancora sicura, nonostante abbia letto questo libro ormai un annetto fa, della valutazione da dargli. Parto con il dire che ho apprezzato il personaggio del protagonista perchè descrive, con gli occhi di un ragazzino, la cruda verità, senza evitare di usare parole troppe pesanti. Mi ha, in un certo senso, commossa, la voglia di amicizia che ha questo giovane protagonista e come il ragazzino provasse a farsi amici gli uomini del paese, nonostante venisse preso in giro da tu [...]

    18. Calvino, criado en el seno de una pacífica familia burguesa, culta y autodenominada 'librepensadora', había desertado del ejército y se había echado al monte junto con su hermano para unirse a las Brigadas Garibaldi, y lo había hecho considerándolo la única respuesta posible en una Italia fascista sumergida en la guerra. Así, un joven que siempre había repudiado la violencia pasó por el trance de tener que usar un arma. Los partisanos que conoció estaban comprometidos con la política [...]

    19. Da molto tempo provavo il desiderio di leggere questa che è la prima opera di Calvino. Prima de Il sentiero dei nidi di ragno, ho molto apprezzato questo autore per il ciclo de I nostri antenati e Se una notte d’inverno un viaggiatore (che fra tutte le opere finora lette, è quella che mi ha particolarmente colpito).Avvicinarsi a Il sentiero dei nidi di ragno dopo aver letto alcune delle opere più mature, fa un certo effetto, così come fa un certo effetto quando non si leggono libri di auto [...]

    20. I had to read it for school. It isn't a good book, of those I would choose to read. But it isn't that bad either.

    21. Örümceklerin Yuvarlandığı Patika bitti! Bana nedense başından sonuna kadar Alper Kamu/Cehennem Çiçeği kitabını hatırlattı. Bunun en büyük sebeplerinden bir tanesi ise her iki kitabında kahramanlarının çocuk olması ve de bir yetişkin gibi davranması. Cehennem Çiçeği'nde ki Alper nasılsa Örümceklerin Yuvarlandığı Patika'da ki Pin öyle. Pin'de Alper gibi bir yetişkin gibi hareket edip onların arasında yaşamayı seviyor. Tek farkları birisi Türkiye'de yaşarken [...]

    22. Intertextualidad:Menciones directas:* Superpolicíaco (¿Libro real? ¿Superpolizia?).* El conde de Montecristo (1844) de Alexandre Dumas.* El libro de la jungla (1894) de Rudyard Kipling (alusión).Indirecta:* Según el autor (en el prólogo) este libro está influido por: Conversación en Sicilia (1941) de Elio Vittorini, De tu tierra o Allá en tu aldea (1941) de Cesare Pavese, Hombres o no (1945) de Elio Vittorini, Por quién doblan las campanas (1940) de Ernest Hemingway, Caballería roja ( [...]

    23. Punto di vista obliquo sulla resistenzaUn punto di vista obliquo sulla resistenza: il protagonista è un bambino, per di più finito nella scalcitata compagnia del "Dritto": irregolari, sbandati, indisciplinati.Ho ammirato la capacità dell'autore di focalizzare l'attenzione del lettore attorno a dei "vuoti narrativi". Alla fine della lettura è proprio attorno a questioni poco raccontate che la mente continua a fantasticare. Cugino è un assassino? Il Dritto viene fucilato?Nell'introduzione Cal [...]

    24. Calvino lite (to be expected, it was written when he was 23 to some, 24 to Harold Bloom). Imagine a bowl in which you mix Hemingway's dry narrative with Fellini's childish sense of wonder and playfulness (the latter becoming the key, defining elements of his later work). Ivan's childhood. A very fun concoction, however forgettable. With 'Invisible Cities' Calvino lands on Mars, while in 'Path to the spiders' nests' he has his lift-off. The latter book, As Faulkner would say, 'has the germ of my [...]

    25. Non è il primo romanzo di Calvino che leggo, ma questo mi ha preso tantissimo! Uno sguardo nella realtà della Resistenza italiana ma dal punto di vista di un bambino, costretto a crescere troppo in fretta. Si legge velocemente e lo stile di scrittura è il migliore che io conosca (Calvino è il top, lo amo amo amo amo). Ne vale proprio la pena!!

    26. Calvino's first novel. There's so much Pavese in here and yet what glimmers most are the nuggets of the writer Calvino will become - from the fantastical elements to the crystalline way he sees straight into the human condition.

    27. "Forse un giorno si arriverà ad essere tutti sereni, e non capiremo più tante cose perché capiremo tutto."

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *